Licenziamento giusta causa

Licenziamento giusta causa

LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA

Affinché il licenziamento sia legittimo il datore di lavoro è tenuto a giustificarne i motivi.

Costituisce idonea giustificazione il licenziamento per giusta causa, ovvero, quando si verifica una circostanza talmente grave da non consentire la prosecuzione, nemmeno provvisoria, del rapporto lavorativo (art. 2119 c.c.). In questi casi il datore di lavoro non è obbligato a dare alcun preavviso ed è libero di provocare l’interruzione immediata del rapporto di lavoro.

Generalmente i contratti collettivi prevedono determinate circostanze nelle quali il licenziamento senza preavviso viene legittimato: danneggiamento o sottrazione di materiali o impianti aziendali; rissa nei luoghi di lavoro; ingiurie e grave insubordinazione verso il datore di lavoro o violenze verso gli altri lavoratori.

LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO

La motivazione del licenziamento (necessaria per la sua legittimità) risiede nella presenza di un giustificato motivo. In tal caso il datore di lavoro è obbligato ad avvisare il lavoratore con dovuto preavviso (art. 1 L. n. 604/1966). La legge del 1966 prevede, all’art. 3, due ipotesi di giustificato motivo.

- Giustificato motivo soggettivo: è costituito dal “notevole inadempimento degli obblighi contrattuali” da parte del lavoratore. Ipotesi, però, non così gravi da impedire la prosecuzione del lavoro durante il periodo del preavviso. Si configura come un inadempimento meno grave di quello determinante il licenziamento per giusta causa.

- Giustificato motivo oggettivo: riguarda i casi di licenziamento determinato da “ ragioni inerenti all’attività produttiva, all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa”. Non riguarda, di conseguenza, il comportamento del lavoratore stesso. Tra i casi più frequenti vi sono: cessazione dell’attività, fallimento, riorganizzazione aziendale. Inoltre, la sopravvenuta inidoneità fisica del lavoratore a svolgere le mansioni assegnategli e la carcerazione del lavoratore.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine